Facile e veloce
10 maggio 2016

Guida autonoma: inizio della sperimentazione e conseguenze per le Assicurazioni

auto guida automaticaNel campo automobilistico c'è da tempo grande curiosità e fermento riguardo alla guida autonoma, o self driving car: presto, nuove auto evolute e sempre più intelligenti riusciranno a "guidarsi da sole", trasportando cioè gli automobilisti senza richiedere loro il compito di guidare.

 

Il lancio di queste auto è previsto per il 2021 e avrà degli enormi benefici in termini di sicurezza stradale e riduzione del numero di incidenti, che ad oggi sono causati principalmente dall'errore umano.

 

Per la precisione, l'ente NHTSA degli Stati Uniti prevede che la percentuale di incidenti scenderà dell'80% entro il 2035.

 

Riportiamo in questo post un altro interessante studio, effettuato da Swiss RE, seconda compagnia assicurativa al mondo, e Here (fornitore di servizi come mappe, tecnologie e cloud per il settore automotive, di proprietà di Audi, BMW e Daimler), dal titolo "The future of motor insurance. How car connectivity and ADAS are impacting the market" e disponibile a questo link.

 

Secondo la ricerca, l'introduzione della guida autonoma e la diminuzione dei sinistri stradali avranno immediate e pesanti conseguenze sul mercato assicurativo, che dovrà diminuire il monte premi e per questo perderà una cifra pari a 20 miliardi di dollari entro il 2020.

 

A iniziare le prime sperimentazioni di queste auto intelligenti sarà Volvo, grande sostenitrice della tecnologia di guida autonoma che può permettere non solo una riduzione dei sinistri ma anche un miglior flusso del traffico, una diminuzione dei consumi e delle emissioni inquinanti, nonché un grande risparmio di tempo per gli automobilisti.

 

I primi test su strada avverranno in Cina e nel Regno Unito e coinvolgeranno, per la prima volta in ambito automobilistico, persone comuni affiancate da collaudatori professionisti. In base alle loro esperienze con la guida autonoma, Volvo svilupperà tecnologie ad hoc basate non su simulazioni ma su prove reali.

 

Per la precisione, l'iniziativa nel Regno Unito partirà a Londra con il nome "Drive Me London" nel 2017.