Facile e veloce
7 marzo 2016

DDL Concorrenza: in attesa delle modifiche RC auto

ddl concorrenza 2016Dopo quasi 6 mesi di discussione, è attesa per i prossimi giorni la conclusione dell'esame del disegno annuale sulla concorrenza presso la Commissione Industria al Senato. Vediamo brevemente i punti principali.

Premi assicurativi uguali da Nord a Sud

Uno dei punti fondamentali del ddl Concorrenza è l'introduzione di una tariffa unica per Nord e Sud Italia, che consenta agli automobilisti virtuosi di pagare lo stesso premio assicurativo indipendentemente dalla regione di residenza.

Sconti dalle Compagnie RC Auto controllati dall'IVASS

Inoltre, per favorire la concorrenza nell'ambito delle Assicurazioni Auto si discute sul recupero delle norme abolite dal decreto Destinazione Italia 2013, come l'obbligo per le compagnie di effettuare sconti sulle polizze degli automobilisti che non causano sinistri per 5 anni e risiedono in regioni dove il costo medio dei premi assicurativi è superiore alla media.

Tali riduzioni devono essere fatte in alcune condizioni come: l'installazione di scatola nera, la riparazione in officine convenzionate con le compagnie e infine l'accettazione da parte dell'automobilista di clausole per risparmiare o contrastare le frodi (ad esempio, l'installazione di rilevatori di tasso alcolemico). Sarà l'IVASS a occuparsi di controllare l'effettiva applicazione degli sconti.

Si discute anche sull'obbligo di indicare - al momento della denuncia del sinistro e non oltre - i testimoni in incidenti con soli danni alle cose.

Basta ai falsi testimoni nei sinistri stradali!

Un'altra novità del ddl Concorrenza è quella sui falsi testimoni: il giudice dovrà trasmettere un'informativa alla procura della Repubblica nel caso si registri la presenza degli stessi testimoni in oltre 3 cause per incidente stradale.

Esistono infatti dei "professionisti in falsa testimonianza" che, pur essendo estranei ai fatti, si fanno pagare per confermare la versione dei fatti di una delle due parti coinvolte nel sinistro.

Stop agli aumenti per chi cambia Assicurazione

Il ddl Concorrenza vuole favorire gli automobilisti che cambiano compagnia, in modo da non far loro subire un declassamento della fascia di merito e il conseguente aumento del premio assicurativo, come è stato fino a adesso.

L'emendamento dice infatti che le compagnie “devono garantire, nell’ambito della classe di merito, le condizioni di premio assegnate agli assicurati aventi identiche caratteristiche di rischio del soggetto che stipula il nuovo contratto”.